“Mistero sul lago nero”, di Massimo Cassani: il perché di un romanzo

“Mistero sul lago nero” di Massimo Cassani 

La tradizione in cui si inserisce il romanzo

 

Mistero sul lago nero (Laurana)
“Mistero sul lago nero” di Massimo Cassani. L’immagine di copertina è di Angela Varani.

Qualcuno – a torto o a ragione – ritiene che le vette letterarie raggiunte dagli scrittori fondativi del genere che in Italia passa sotto la definizione-ombrello di “giallo” non sia mai più stato raggiunto. Tutto ciò che è seguito dopo la lezione di Dashiell Hammett (1894-1961), William Kiley Burnett (1899-1982) e, soprattutto, Raymond Chandler (1888-1959, nella foto) sarebbe stata soltanto una sequela di tentativi di emulazioni, o meglio, di variazioni sul tema, seppure declinate con inventiva e indubitabile cura di personaggi e ambientazioni (e non soltanto sul crinale dell’hard boiled).

"Mistero sul lago nero" di Massimo Cassani
Raymond Chandler

Stiamo parlando di romanzi usciti nella prima metà del Nocevento: “Il falcone maltese” di Hammet è del 1930, Giungla d’asfalto di Burnett è del 1949, Il lungo addio di Chandler e del 1953. Un genere, quindi, che avrebbe raggiunto la sua massima maturità espressiva in poco meno di un secolo, se si pensa che i primi significativi esempi sono del 1841 (“I delitti della rue Morgue” di Edgar Allan Poe) e del 1887 (“Uno studio in rosso” di Arthur Conan Doyle). Se si escludono i fenomeni Agatha Christie e il George Simenon del commissario Maigret, pochi altri autori quindi sarebbero stati in grado di attribuire al genere un’originalità e una dignità letteraria al pari delle opere non di genere della storia delle letteratura internazionale (fra questi, va sicuramente ricordato James Ellroy (nella foto), con la sua produzione striata di ossessioni).

"Mistero sul lago nero" di Massimo cassani
James Ellroy

Non è un caso se due grandi scrittori come Friedrich Dürrenmatt, prima, e Osvaldo Soriano (nella foto), poi, abbiano reso omaggio al genere con due opere “di non ritorno”, quali “La promessa” (il cui suggestivo sottotitolo, “Un requiem per il romanzo giallo”, la dice lunga) e Triste, solitario y final, nei quali la narrazione non giunge ad alcun risultato investigativo (come del resto accade ne “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana”, di Carlo Emilio Gadda, nella foto).

"Mistero sul lago nero" di Massimo Cassani
Carlo Emilio Gadda
"Mistero sul lago nero" di Massimo Cassani
Osvaldo Soriano

Il perché del romanzo

“Mistero sul lago nero” (Laurana, 2015) di Massimo Cassani nasce appunto dalla consapevolezza che se le urgenze da cui sono nate le opere fondative non sono più ripetibili, allora una possibile strada percorribile è quella di una sorta di emulazione consapevole a partire dal protagonista del romanzo, il detective privato milanese Mario Borri, che – in chiave umoristica – sembra essere la fotocopia in minore del Philippe Marlowe di Chandler o del Sam Spade di Hammet – quest’ultimo portato sullo schermo anche da Humphrey Bogard nel 1941, con la regia di John Huston. Peccato che al nostro Mario Borri manchi tutto del Bogard in bianco e nero: dal physique du rôle all’aria ruvida e vissuta del suo modello (nonostante il Borsalino in testa, la sigaretta sempre accesa all’angolo della bocca e la spiccata attitudine al bicchiere).

“Mistero sul lago nero” è chiaramente un divertisment dai riferimenti colti dove, tuttavia, la presa in giro riguarda soltanto il protagonista e non le aspettative del lettore al quale viene offerta una narrazione in cui il disvelamento del mistero segue i binari di un’indagine vera, fatta di “gambe e di cervello” e colpi di scena improvvisi, così come dev’essere in un puro romanzo di genere.

"Mistero sul lago nero" di Massimo Cassani
Massimo Cassani

La trama di “Mistero sul lago nero”

Che triste autunno, questo autunno, per il detective privato Mario Borri, 65 anni d’età per 165 centimetri d’altezza. La pensione è alle porte. E mentre sta provando inutilmente ad ammorbidire il magone per l’ormai imminente addio alle armi con qualche dose non troppo sparagnina di Jack Daniel’s liscio, si presenta nel suo ufficio una sventola dai capelli fulvi che gli propone un lavoretto all’apparenza facile facile. Non a Milano, però: in un paese lacustre lontano dalla sua amata città. Dove muoversi, per lui, è come camminare sulle uova.

"Mistero sul lago nero" di Massimo Cassani
“Mistero sul lago nero” di Massimo Cassani (photo by Grazia Napoli)

E quello che sembrava un lavoretto facile facile si dimostra più intricato di quanto si potesse immaginare. Fra incontri con cinghiali, guardiani di cinghiali, suore color carciofo e suore ciccione, vecchietti con e senza cappello, albergatrici settantenni ex cantanti di night, baristi arcigni, carabinieri occhiuti e preti ottuagenari dalla visionarietà biblica, l’ultima avventura di Borri si colora di toni imprevedibili e umoristici.

Alla fine, però, il bene trionfa…o quasi.

L’autore

       Massimo Cassani, giornalista, è nato a Cittiglio, in provincia di Varese, nel 1966 e vive a Milano da quasi trent’anni. “Mistero sul lago nero” è il suo sesto romanzo. Ha esordito nella narrativa con “Sottotraccia” (Sironi 2008/TEA 2015), primo episodio della serie con protagonista il commissario Micuzzi, cui sono seguiti “Pioggia battente” (Sironi, 2009/Mistery Italia – Il Sole 24 ORE/2013, TEA, 2014), “Zona franca” (TEA, 2013) e “Soltanto silenzio” (TEA, 2014). Per Laurana ha pubblicato nel 2010 “Un po’ più lontano”, dedicato ai temi della solitudine e all’agnizione d’identità. Nel 2015 ha partecipato con un racconto autobiografico all’opera collettanea dal titolo “La formazione dello scrittore” (Laurana) in cui compaiono scritti, fra gli altri, di Tullio Avoledo, Raul Montanari e Alessandro Zaccuri.

Dal 2010 collabora con “La Bottega di narrazione” di Laurana, condotta da Giulio Mozzi e Gabriele Dadati.

Annunci

One Reply to ““Mistero sul lago nero”, di Massimo Cassani: il perché di un romanzo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...