“Mistero sul lago nero”, se un milanese va in campagna…

Cosa succede se un detective privato – milanese e baüscia fino al midollo – è costretto a svolgere un’indagine in un paesino lacustre di provincia? Nel migliore dei casi combina disastri.

E’ quello che accade a Mario Borri – 65 anni d’età per 165 centimetri d’altezza – che per allontanare lo spettro dell’imminente pensionamento accetta un incarico da un’affascinante quarantenne dai capelli fulvi. La donna vuole che Borri pedini la sorella e la colga in castagna con uno dei suoi occasionali accompagnatori. C’è di mezzo l’eredità milionaria della defunta zia.

Ma l’incarico si rivela più complicato del previsto. In quel paesino adagiato sulle Prealpi dal nome Mirate al lago non è come muoversi nell’anonima Milano: lì tutti sanno tutto di tutti, ma di fronte al forestiero le lingue si tacciono. Il nostro Borri si trova subito su una strada in salita e gli vengono pure negate le genuine leccornie che si favoleggia prosperino in provincia: per lui una triste dieta a base di carne in scatola e piselli (e vino del cartone). E multe a non finire. E sguardi sospettosi. E pioggia battente. E una natura così rigogliosa da fargli venire la nostalgia del suo amato asfalto, il nido catramoso in cui e nato e cresciuto senza mai oltrepassare il ponte levatoio.

Una situazione, questa, che non può non generare situazioni umoristiche, in un clima di bonaria canzonatura sia del cittadino cha va in campagna sia del provinciale di fronte al “milanes pàcia aria”.

Guarda il video

 “Mistero sul lago nero” è chiaramente un divertisment in salsa noir, dove tuttavia la presa in giro riguarda soltanto il protagonista e la situazione, ma non le aspettative del lettore al quale viene offerta una narrazione in cui il disvelamento del mistero segue i binari di un’indagine vera, fatta di “gambe e di cervello” e colpi di scena credibili, come dev’essere in un puro romanzo di genere. Il tutto raccontato in prima persona proprio da lui, il detective privato Mario Borri, che con il suo Borsalino in testa e la sigaretta accesa all’angolo della bocca, pare uscito da un film in bianco e nero degli anni ’40.

La trama di “Mistero sul lago nero”

Che triste autunno, questo autunno, per il detective privato Mario Borri, 65 anni d’età per 165 centimetri d’altezza. La pensione è alle porte. E mentre sta provando inutilmente ad ammorbidire il magone per l’ormai imminente addio alle armi con qualche dose non troppo sparagnina di Jack Daniel’s liscio, si presenta nel suo ufficio una sventola dai capelli fulvi che gli propone un lavoretto all’apparenza facile facile. Non a Milano, però: in un paese lacustre lontano dalla sua amata città. Dove muoversi, per lui, è come camminare sulle uova. E quello che sembrava un lavoretto facile facile si dimostra più intricato di quanto si potesse immaginare. Fra incontri con cinghiali, guardiani di cinghiali, suore color carciofo e suore ciccione, vecchietti con e senza cappello, albergatrici settantenni ex cantanti di night, baristi arcigni, carabinieri occhiuti e preti ottuagenari dalla visionarietà biblica, l’ultima avventura di Borri si colora di toni imprevedibili e umoristici.

Alla fine, però, fine il bene trionfa…o quasi.

L’autore

"Mistero sul lago nero" (Laurana, 2015)
Massimo Cassani (foto di Renzo Chiesa)

      

Massimo Cassani, giornalista, è nato a Cittiglio, in provincia di Varese, nel 1966 e vive a Milano da quasi trent’anni. “Mistero sul lago nero” è il suo sesto romanzo. Ha esordito nella narrativa con “Sottotraccia” (Sironi 2008/TEA 2015), primo episodio della serie con protagonista il commissario Micuzzi, cui sono seguiti “Pioggia battente” (Sironi, 2009/Mistery Italia – Il Sole 24 ORE/2013, TEA, 2014), “Zona franca” (TEA, 2013) e “Soltanto silenzio” (TEA, 2014). Per Laurana ha pubblicato nel 2010 “Un po’ più lontano”, dedicato ai temi della solitudine e all’agnizione d’identità. Nel 2015 ha partecipato con un racconto autobiografico all’opera collettanea dal titolo “La formazione dello scrittore” (Laurana) in cui compaiono scritti, fra gli altri, di Tullio Avoledo, Raul Montanari e Alessandro Zaccuri. Dal 2010 collabora con “La Bottega di narrazione” di Laurana, condotta da Giulio Mozzi e Gabriele Dadati.

Disponibile in libreria e anche qui

Mistero sul lago nero (Laurana)
Mistero sul lago nero (Laurana, 2015)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...