“Contorni di Noir”: la recensione di “Zona franca” (TEA)

di Cecilia Lavopa

Zona franca Nanni
Torna Micuzzi e la sua banda di stravaganti colleghi: Teneriello, logorroico ma simpatico che ricorda il Catarella del Commissario Montalbano; Salada, coraggioso e irruento – forse troppo – nonché la sempre inossidabile Rosaria Dalla Vedova. E, devo dire, questo sgangherato commissario, con la testa fra le nuvole e la ex moglie Margherita che gli si piazza in casa ogni tanto con la scusa di qualche cenetta, fa veramente simpatia…

Continua a leggere l’articolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...