Fuori dal circolo chiuso…

(Da “Un po’ più lontano di Massimo Cassani)

La serata finì molto tardi, poco prima delle due del mattino. Il
caldo si stava un poco attenuando e sul terrazzo si cominciava
a respirare
.
Io ero annebbiato, sebbene non pensavo si notasse più di tanto. Il Professore, invece, aveva gli occhi lucidi, quasi febbrili, sembrava addirittura eccitato. I primi ad alzarsi in piedi, imitati dagli altri, furono i Grecchi. Lei neppure mi salutò.
Lui, Rosario Grecchi, con la sua Lacoste rosa senza una piega, nonostante il caldo, nonostante il sudore, nonostante l’ora, mi fece un leggero segno con il capo e un accenno di sorriso, ma senza troppa convinzione. Tutti gli altri, invece, si salutarono con allegria. Le donne baciarono le donne, anche Grecchi e il Professore baciarono le donne e si diedero una vigorosa stretta di mano e una cameratesca pacca sulla spalla. Iaia venne baciata da tutti, uomini e donne. L’unico che restò escluso da quell’incrocio di contatti fisici, neanche a dirlo, fui io, che comunque, ingessato come mi sentivo oltre che malfermo sulle gambe, non feci neppure il tentativo di entrare nel loro
circolo chiuso.

PER ACQUISTARE IL ROMANZO CLICCA QUI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...